Assemblee

Assemblea Ordinaria dell’8/9 Aprile 2021

Assemblea Ordinaria dell’8/9 Aprile 2021

 

I Signori Soci sono convocati in Assemblea Ordinaria presso la sede legale in Napoli, Via G. Porzio, 4 - Centro Direzionale Isola A/7, per il giorno 8 aprile 2021 alle ore 11.00, in prima convocazione, ed occorrendo in seconda convocazione per il giorno 9 aprile 2021, stesso luogo ed ora per discutere e deliberare sul seguente:

Ordine del giorno

1.    Approvazione del Bilancio di esercizio al 31 dicembre 2020. Relazioni del Consiglio di Amministrazione, del Collegio Sindacale e della Società di revisione legale. Destinazione dell’utile di esercizio. Deliberazioni inerenti e conseguenti.
2.    Relazione sulla politica in materia di remunerazione 2021 e sui compensi corrisposti 2020 ai sensi dell’art. 123-ter del Decreto Legislativo del 24 febbraio 1998 n. 58. Prima sezione: relazione sulla politica in materia di remunerazione 2021 (deliberazione vincolante).
3.    Relazione sulla politica in materia di remunerazione 2021 e sui compensi corrisposti 2020 ai sensi dell’art. 123-ter del Decreto Legislativo del 24 febbraio 1998 n. 58. Seconda sezione: relazione sui compensi corrisposti  2020 (deliberazione non vincolante).
4.    Determinazione del numero dei componenti il Consiglio di Amministrazione.
5.    Nomina dei componenti il Consiglio di Amministrazione per gli esercizi 2021, 2022 e 2023.
6.    Determinazione dei compensi dei componenti il Consiglio di Amministrazione e dei componenti il Comitato Controllo, Rischi e Corporate Governance.
7.    Nomina del Collegio Sindacale per gli esercizi 2021, 2022 e 2023.
8.    Determinazione dei compensi dei membri effettivi del Collegio Sindacale.

PARTECIPAZIONE ALL’ASSEMBLEA – EMERGENZA COVID 19 – MODALITA’ DI SVOLGIMENTO DELL’ASSEMBLEA
Al fine di ridurre al minimo i rischi connessi al prorogarsi dell’emergenza sanitaria Covid-19, Autostrade Meridionali S.p.A. ha deciso di avvalersi della facoltà - di cui all’art. 106 del Decreto Legge 17 marzo 2020, n. 18, come richiamato dall’art. 3, comma 6, del Decreto Legge del 31 dicembre 2020 n. 183 - di prevedere che l’intervento dei soci in Assemblea avvenga esclusivamente tramite il Rappresentante Designato ai sensi dell’art. 135-undecies del Decreto Legislativo n. 58/98 (“TUF”) - i.e. Computershare S.p.A. (di seguito “Rappresentante Designato”) - con le modalità infra precisate.
Conformemente a quanto previsto dall’art. 106, comma 2, del citato Decreto, fermo quanto precede, l’intervento in Assemblea dei componenti degli Organi sociali, del Segretario e del Rappresentante Designato, nonché di eventuali altri soggetti a ciò autorizzati dal Presidente del Consiglio di Amministrazione, nel rispetto delle misure di contenimento dell’epidemia Covid-19 previste dalle disposizioni di legge applicabili, potrà avvenire esclusivamente, mediante mezzi di video/telecomunicazione che ne garantiscano l’identificazione, con modalità che lo stesso Presidente provvederà a definire ed a comunicare a ciascuno dei suddetti soggetti, in conformità alle norme applicabili per tale evenienza, senza che sia in ogni caso necessario che il Presidente, il Segretario o il Notaio si trovino nel medesimo luogo.

 

Avviso di convocazione

Relazione sulle materie all'ordine del giorno

 

Legittimazione al diritto di voto

  • Premesso quanto sopra specificato in merito alle modalità di partecipazione per delega esclusivamente conferita al Rappresentante Designato, Sono legittimati ad intervenire all’Assemblea e ad esercitare il diritto di voto i soggetti cui spetta il diritto di voto che risultino tali in base ad una comunicazione, effettuata alla Società da un soggetto che si qualifichi come “intermediario” ai sensi della disciplina applicabile, rilasciata da quest’ultimo prendendo come riferimento le evidenze risultanti al termine della giornata contabile del 26 marzo 2021, vale a dire il settimo giorno di mercato aperto precedente la data fissata per l’Assemblea in prima convocazione (c.d. record date), in conformità a quanto previsto dall’articolo 83-sexies del decreto legislativo 24 febbraio 1998 n. 58 (“TUF”).
  • Le registrazioni in accredito e in addebito compiute sui conti successivamente alla record date non rilevano ai fini della legittimazione all’esercizio del diritto di voto nell’Assemblea; pertanto, coloro che risulteranno titolari delle azioni solo successivamente a tale data non avranno il diritto di partecipare e di votare in Assemblea.
  • Le comunicazioni dell’intermediario devono pervenire alla Società entro il 1° aprile 2021, cioè entro la fine del terzo giorno di mercato aperto precedente la data fissata per l’Assemblea in prima convocazione. Resta, peraltro, ferma la legittimazione all’intervento e al voto qualora le comunicazioni siano pervenute alla Società entro l’inizio dei lavori assembleari della singola convocazione. Resta ferma la legittimazione all’intervento in Assemblea e al voto, sempre esclusivamente attraverso il Rappresentante Designato, qualora le comunicazioni siano pervenute alla Società oltre il suddetto termine, purché entro l’inizio dei lavori assembleari.
  • I soci titolari di azioni non ancora dematerializzate dovranno previamente consegnare le stesse ad un intermediario finanziario abilitato per la loro immissione nel sistema di gestione accentrata in regime di dematerializzazione e chiedere il rilascio della citata comunicazione.

 

ESERCIZIO DEL VOTO PER DELEGA

Si ribadisce che, tenendo conto delle misure di contenimento imposte a fronte della eccezionale situazione di emergenza conseguente all’epidemia di Covid 19, e pertanto in ossequio a fondamentali principi di tutela della salute dei Soci, dei dipendenti, degli esponenti e dei consulenti della Società, ai sensi di quanto previsto dall’art.106, comma 4, del D.L. 17 marzo 2020 n.18, l’intervento in Assemblea dei soci aventi diritto si svolgerà, senza accesso ai locali assembleari, esclusivamente tramite il rappresentante designato ex art. 135-undecies del D. Lgs. n. 58 del 24 febbraio 1998, con le modalità di cui infra.

  • Delega al rappresentante designato.
    La Societa' ai sensi dell'art. 135-undecies del D. Lgs. 58/98 (T.U.F.) ha designato Computershare S.p.A. con sede legale in Milano, via Lorenzo Mascheroni 19 ( www.computershare.com/it ) quale rappresentante cui i titolari del diritto di voto dovranno conferire una delega con istruzioni di voto su tutte o alcune delle proposte all'ordine del giorno. A tal fine dovra' essere utilizzato lo specifico modulo di delega con istruzioni di voto predisposto dalla stessa Computershare S.p.A. in accordo con la Societa' e di seguito reperibile. ( modulo di delega rappresentante designato )
    La delega puo' essere conferita alla Computershare S.p.A. entro le ore 24 del 6 aprile 2021, con riferimento alla prima convocazione, ovvero entro le ore 24 del 7 aprile 2021, con riferimento alla seconda convocazione, ed ha effetto per le sole deliberazioni proposte all'assemblea per le quali il delegante abbia conferito istruzioni di voto attraverso detto modulo. Entro il medesimo termine la delega e le istruzioni di voto possono essere revocate con le stesse modalita' utilizzate per il loro conferimento.
    Ai fini dell'intervento e dell'esercizio del diritto di voto il conferimento della suddetta delega non esime l'avente diritto dall'obbligo di richiedere all'intermediario la comunicazione attestante la legittimazione all'intervento in assemblea e all'esercizio del diritto di voto ai sensi dell'art. 83-sexies T.U.F.
    Si precisa che, nel caso si verifichino circostanze ignote ovvero in caso di modifica o integrazione delle proposte presentate in assemblea, Computershare S.p.A., in qualita' di Rappresentante Designato, non intende essere autorizzata ad esprimere un voto difforme da quello indicato nelle istruzioni ricevute.
    Il modulo di delega con le istruzioni di voto al rappresentante designato, completato con le informazioni richieste e sottoscritto dal delegante, dovra' essere inviato al Rappresentante designato con una delle seguenti modalità:
  • Titolari di Posta Elettronica Certificata (PEC): se il delegante (anche persona giuridica) possiede una casella PEC può trasmettere all’indirizzo sam@pecserviziotitoli.it copia della delega riprodotta informaticamente (formato PDF);
  • Titolari di Firma elettronica avanzata, qualificata o digitale (FEA): il delegante dotato di FEA può trasmettere la copia della delega riprodotta informaticamente con Firma Elettronica Avanzata anche tramite posta elettronica ordinaria, all’indirizzo sam@pecserviziotitoli.it ;
  • Titolari di posta elettronica ordinaria: il delegante può inviare all’indirizzo pec sam@pecserviziotitoli.it una copia della delega riprodotta informaticamente (formato PDF). In tale caso l’originale della delega, delle istruzioni e copia della correlata documentazione dovrà essere trasmessa presso la sede di Computershare S.p.A. via Monte Giberto 33 00138 Roma;
  • Via FAX al numero: 06 45417450.

 

  • Delega / Subdelega (art. 135 novies TUF) conferita, in ogni caso, al Rappresentante Designato sopra indicato utilizzando il modulo di delega qui reperibile ( modulo di delega generica ).
    Il modulo di delega/subdelega (con le istruzioni di voto) deve essere inviato al rappresentante designato, completato con le informazioni richieste e sottoscritto dal delegante, entro le ore 12:00 del 7 aprile 2021 con una delle seguenti modalità:

 

  • Titolari di Posta Elettronica Certificata (PEC): se il delegante (anche persona giuridica) possiede una casella PEC può trasmettere all’indirizzo sam@pecserviziotitoli.it copia della delega riprodotta informaticamente (formato PDF);
  • Titolari di Firma elettronica avanzata, qualificata o digitale (FEA): il delegante dotato di FEA può trasmettere la copia della delega riprodotta informaticamente con Firma Elettronica Avanzata anche tramite posta elettronica ordinaria, all’indirizzo sam@pecserviziotitoli.it ;
  • Titolari di posta elettronica ordinaria: il delegante può inviare all’indirizzo pec sam@pecserviziotitoli.it una copia della delega riprodotta informaticamente (formato PDF). In tale caso l’originale della delega, delle istruzioni e copia della correlata documentazione dovrà essere trasmessa presso la sede di Computershare S.p.A. via Monte Giberto 33 00138 Roma;
  • Via FAX al numero: 06 45417450.

 

 

DIRITTO DI PORRE DOMANDE

Ai sensi dell’art. 127-ter del TUF, coloro ai quali spetta il diritto di voto possono porre domande sui punti all’ordine del giorno prima dell’Assemblea trasmettendole all’indirizzo di posta elettronica certificata sam@pecserviziotitoli.it ovvero a mezzo fax al n. +39-06-45417450.

Le domande dovranno pervenire entro la record date, ovverosia entro il 26 marzo 2021 (entro le ore 24:00).

Saranno prese in considerazione esclusivamente le domande strettamente pertinenti gli argomenti all’ordine del giorno. Il richiedente dovrà fornire i propri dati anagrafici (cognome e nome o denominazione nel caso di società, luogo e data di nascita e codice fiscale) ed idonea documentazione comprovante la titolarità dell’esercizio del diritto di voto, rilasciata dall’intermediario depositario.

Nel caso in cui il richiedente abbia richiesto al proprio intermediario depositario la comunicazione di legittimazione per partecipare all’Assemblea, sarà sufficiente riportare nella richiesta i riferimenti di tale comunicazione eventualmente rilasciati dall’intermediario.

Alle domande pervenute prima dell’Assemblea è data risposta al più tardi il 1° aprile 2021 mediante pubblicazione sul sito internet della Società.

La Società può fornire una risposta unitaria alle domande aventi lo stesso contenuto. Non è dovuta una risposta quando le informazioni richieste sono già disponibili in formato “domanda e risposta” in apposita sezione del sito internet della Società.

 

INTEGRAZIONE DELL’ORDINE DEL GIORNO E PRESENTAZIONE DI NUOVE PROPOSTE DI DELIBERA SU RICHIESTA DEI SOCI

 

Ai sensi dell’art. 10 dello Statuto e in conformità a quanto previsto dall’articolo 126-bis del TUF, i Soci che, anche congiuntamente, rappresentino almeno il 2,5% del capitale sociale, possono chiedere, entro dieci giorni dalla pubblicazione del presente avviso, l’integrazione dell’elenco delle materie da trattare, indicando nella domanda gli ulteriori argomenti proposti ovvero presentare proposte di deliberazione su materie già all’ordine del giorno.

La domanda dovrà pervenire per iscritto mediante posta elettronica certificata al seguente indirizzo sam@pecserviziotitoli.it, unitamente alle certificazioni rilasciate da un intermediario abilitato in conformità alle proprie scritture contabili, attestanti il possesso di almeno il 2,5% del capitale sociale e recanti l’indicazione del diritto sociale esercitabile.

L’integrazione dell’elenco delle materie da trattare non è ammessa per gli argomenti sui quali l’Assemblea delibera, a norma di legge, su proposta degli amministratori o sulla base di un progetto o di una relazione da essi predisposta.

Delle integrazioni all’ordine del giorno o della presentazione di ulteriori proposte di deliberazione  su materie già all’ordine del giorno ammesse dal Consiglio di Amministrazione sarà data notizia almeno quindici giorni prima della data fissata per l’Assemblea, nelle stesse forme previste dalla legge per l’avviso di convocazione.

I Soci che richiedono l’integrazione dell’ordine del giorno ovvero ulteriori proposte di deliberazione sulle materie già all’ordine del giorno devono predisporre e far pervenire al Consiglio di Amministrazione della Società, entro il termine ultimo per la presentazione della proposta di integrazione e nelle medesime forme utilizzate per l’invio della stessa, una relazione che riporti le motivazioni delle proposte di deliberazione sulle nuove materie di cui essi propongono la trattazione, ovvero sulle ulteriori proposte di deliberazione sulle materie già all’ordine del giorno. Tale relazione, accompagnata da eventuali valutazioni dell’organo amministrativo, sarà messa a disposizione del pubblico, nelle medesime forme previste per la documentazione relativa all’Assemblea, contestualmente alla pubblicazione della notizia di integrazione.

Si ricorda che ogni soggetto legittimato al voto può presentare individualmente proposte di deliberazione in Assemblea.

 

FACOLTA’ DI PRESENTARE INDIVIDUALMENTE PROPOSTE DI DELIBERAZIONE PRIMA DELL’ASSEMBLEA

In aggiunta a quanto precede, tenuto conto che l’intervento in Assemblea è previsto esclusivamente tramite il Rappresentante Designato, i soggetti legittimati a intervenire in Assemblea che intendano formulare proposte di deliberazione sull’argomento posto all’ordine del giorno - ai sensi dell’art. 126-bis, comma 1, penultimo periodo, del TUF - sono invitati a presentarle in anticipo, entro il 24 marzo 2021, all’indirizzo di posta elettronica certificata sam@pecserviziotitoli.it ovvero a mezzo fax al n. +39-06-45417450. Tali proposte saranno pubblicate sul sito internet della Società entro il 26 marzo 2021 al fine di mettere in grado gli aventi diritto al voto di esprimersi consapevolmente anche tenendo conto di tali nuove proposte e consentire al Rappresentante Designato di raccogliere istruzioni di voto eventualmente anche sulle medesime. Il richiedente dovrà fornire idonea documentazione comprovante la legittimazione ad intervenire in Assemblea ed il rilascio di delega al Rappresentante Designato per la partecipazione all’Assemblea medesima.

Ai fini della relativa pubblicazione, nonché in relazione allo svolgimento dei lavori assembleari, la Società si riserva di verificare la pertinenza delle proposte rispetto all’argomento all’ordine del giorno, la completezza delle stesse, la loro conformità alla normativa applicabile e la legittimazione dei proponenti.

In caso di proposte di delibera sul punto all'ordine del giorno alternative a quelle formulate dal Consiglio, verrà prima posta in votazione la proposta del Consiglio (salvo che non venga ritirata) e, solo nel caso in cui tale proposta fosse respinta, verranno poste in votazione le proposte degli Azionisti. Tali proposte, anche in caso di assenza di una proposta del Consiglio, verranno sottoposte all’Assemblea a partire dalla proposta presentata dagli Azionisti che rappresentano la percentuale maggiore del capitale. Solo nel caso in cui la proposta posta in votazione fosse respinta, sarà posta in votazione la successiva proposta in ordine di capitale rappresentato.

 

 

 

 

MODALITA` DI NOMINA DEGLI AMMINISTRATORI E DEI SINDACI

Amministratori

I componenti del Consiglio di Amministrazione sono eletti sulla base di liste presentate dagli azionisti che, al momento della presentazione della lista, siano titolari del diritto di voto. Le liste presentate dai soci e da essi sottoscritte (anche per delega ad uno di essi), corredate dalle informazioni relative agli stessi soci, alla percentuale di partecipazione da essi complessivamente detenuta, e un curriculum vitae riguardante le informazioni sulle caratteristiche personali e professionali dei candidati, dovranno essere depositate presso la sede legale almeno venticinque giorni prima della data fissata per l’Assemblea in prima convocazione (ossia entro domenica 14 marzo 2021 – prorogato a lunedì 15 marzo 2021, primo giorno feriale successivo).

Ogni lista dovrà contenere un numero di candidati, elencati mediante un numero progressivo, non superiore a sette.

Tutti i candidati devono possedere i requisiti di onorabilità stabiliti per i membri degli Organi di controllo dalla normativa vigente, nonché i requisiti di professionalità adeguati al ruolo da ricoprire.

Ciascuna lista dovrà includere almeno un candidato in possesso dei requisiti di indipendenza stabiliti dalla legge (vale a dire i requisiti di indipendenza applicabili ai sindaci di società con azioni quotate), tenuto conto anche dei criteri previsti all’art. 2 del Codice di di Corporate Governance (gennaio 2020), menzionando distintamente tale candidato

Inoltre, al fine di consentire una composizione del Consiglio di Amministrazione nel rispetto della normativa vigente in materia di equilibrio tra i generi, le liste che contengono un numero di candidati pari o superiore a tre devono includere candidati di genere diverso in modo tale da garantire che il nuovo Consiglio di Amministrazione risulti composto almeno per due quinti da componenti del genere meno rappresentato, con arrotondamento, in caso di numero frazionario, all’unità superiore.

Qualora, per qualsiasi ragione, ad esito delle votazioni e del meccanismo di sostituzione, la composizione del Consiglio di Amministrazione non rispetti le previsioni dell’art. 147-ter, comma 1-ter, del TUF in materia di equilibrio tra i generi e di requisiti di indipendenza o l’art. 37 del Regolamento Consob n. 16191 del 29 ottobre 2007 e s.m., l’Assemblea delibererà con le maggioranze di legge, assicurando la presenza del numero necessario di Amministratori previsto dalla normativa applicabile.

Unitamente a ciascuna lista, ovvero comunque almeno venticinque giorni prima (ossia entro domenica 14 marzo 2021 – prorogato a lunedì 15 marzo 2021, primo giorno feriale successivo) della data fissata per l’Assemblea in prima convocazione, per ciascun candidato dovrà depositarsi presso la sede sociale la dichiarazione con la quale accetta la propria candidatura e attesta, sotto la propria responsabilità personale, l’inesistenza di cause di ineleggibilità e di incompatibilità, nonché l’esistenza dei requisiti prescritti dalla normativa applicabile e fornisce la dichiarazione a qualificarsi eventualmente come indipendente.

 

Sindaci

 

Tre Sindaci effettivi e due Sindaci supplenti vengono eletti dall’Assemblea e sono nominati mediante la procedura del voto di lista, un Sindaco effettivo viene nominato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze ed assumerà la carica di Presidente, l'altro Sindaco effettivo verrà nominato dall’Anas nella sua qualità di Concedente le cui funzioni sono state assunte a far data dal 1°ottobre 2012 ( L.15/7/2011 n.111-L.24.02.2012 n.14) dal Ministero delle infrastrutture e dei Trasporti.

Non possono assumere la carica di Sindaco né possono essere inseriti nelle liste coloro che, ai sensi della normativa applicabile, superino il limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e di controllo o che non siano in possesso dei requisiti di onorabilità, professionalità e indipendenza.

La lista si compone di due sezioni, una per i candidati alla carica di Sindaco effettivo, l’altra per i candidati alla carica di Sindaco supplente ed entrambe recano i nominativi di uno o più candidati. Nelle liste presentate dai Soci i candidati dovranno essere in numero non superiore ai sindaci da eleggere ed elencati mediante un numero progressivo.

In osservanza del D.M. n. 162 del 30 marzo 2000, almeno due dei Sindaci Effettivi ed almeno uno dei Sindaci Supplenti sono scelti tra gli iscritti nel registro dei revisori contabili che abbiano esercitato l’attività di controllo legale dei conti per un periodo non inferiore a tre anni. Pertanto, il primo dei candidati di ciascuna sezione deve essere in possesso del requisito sopra richiamato. I Sindaci che non sono in possesso di tale requisito sono scelti tra coloro che abbiano maturato un’esperienza complessiva di almeno un triennio nell’esercizio di attività previste al punto 8 dell’art. 28 dello Statuto Sociale.

Nel rispetto di quanto previsto dalla normativa vigente in materia di equilibrio tra i generi, inoltre, le liste che, considerando entrambe le sezioni, contengano un numero di candidati pari o superiore a tre devono includere candidati di genere diverso, in modo tale da garantire che il nuovo Collegio Sindacale risulti composto almeno per due quinti da componenti del genere meno rappresentato, con arrotondamento, in caso di numero frazionario, all’unità superiore. Qualora la sezione relativa ai Sindaci supplenti indichi due candidati, essi devono appartenere a generi diversi.

Qualora, per qualsiasi ragione, ad esito delle votazioni e dell’eventuale meccanismo di sostituzione, la composizione del Collegio Sindacale non rispetti le previsioni dell’art. 148, comma 1-bis, del TUF in materia di equilibrio tra i generi o dell’art. 1 del D. M. n. 162 del 30 marzo 2000, l’Assemblea delibera con le maggioranze di legge, assicurando la presenza del numero necessario di Sindaci Effettivi e Supplenti previsto dalla normativa applicabile.

Le liste presentate dai soci e da essi sottoscritte (anche per delega ad uno di essi) dovranno essere depositate presso la sede sociale almeno venticinque giorni prima della data fissata per l’Assemblea in prima convocazione (ossia entro domenica 14 marzo 2021 – prorogato a lunedì 15 marzo 2021, primo giorno feriale successivo), corredate dalla seguente documentazione:

a) le informazioni relative all’identità dei soci che hanno presentato le liste e alla percentuale di partecipazione da essi complessivamente detenuta;

b) un curriculum vitae riguardante le informazioni sulle caratteristiche personali e professionali dei candidati;

c) tenuto conto delle previsioni di cui all’art. 2400, ultimo comma c.c., un elenco degli incarichi di amministrazione e controllo ricoperti dai candidati in altre società, con raccomandazione di assicurarne l’aggiornamento fino al giorno dell’effettivo svolgimento della riunione assembleare;

d) le dichiarazioni con le quali i candidati accettano la propria candidatura e attestano sotto la propria responsabilità personale, l’inesistenza di cause di ineleggibilità e di incompatibilità, nonché l’esistenza dei requisiti prescritti dalla normativa applicabile. Al riguardo si rammenta in particolare che ciascun candidato dovrà dichiarare inoltre l’eventuale idoneità dello stesso a qualificarsi come indipendente anche alla stregua dei criteri previsti, con riferimento agli amministratori, all’art. 2 del Codice di di Corporate Governance (gennaio 2020);

e) la dichiarazione dei Soci di minoranza dell’assenza di rapporti di collegamento con coloro che detengono, anche congiuntamente una partecipazione di controllo ovvero di maggioranza relativa, ai sensi della normativa vigente.

Decadono dalla carica i Sindaci eletti che dovessero ricadere in una delle cause di incompatibilità previste dalla normativa applicabile

Qualora alla scadenza del termine di venticinque giorni prima della data fissata per l’assemblea in prima convocazione sia stata presentata una sola lista, ovvero siano state presentate liste soltanto da parte di soci collegati fra loro, è consentita la presentazione di liste nei tre giorni successivi alla scadenza del termine con la riduzione alla metà della partecipazione minima richiesta e fatto salvo quant’altro previsto ai sensi dello Statuto Sociale.

 

Disposizioni comuni

 

Tenuto conto di quanto previsto dall’art. 144-sexies, comma 4-ter, del Regolamento Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 come successivamente modificato (il “Regolamento Emittenti Consob”), le liste e la copia della documentazione richiesta a corredo delle stesse, potranno essere depositate anche tramite invio via e-mail o posta elettronica certificata all’indirizzo di posta elettronica certificata sam@pecserviziotitoli.it congiuntamente con le informazioni che consentano l’identificazione del soggetto che procede al deposito delle liste, indicando altresì un recapito telefonico.

Le liste depositate dai soci, corredate dalle sopra indicate informazioni saranno messe a disposizione del pubblico presso la sede sociale e la società di gestione del mercato e saranno pubblicate sul sito internet della società senza indugio e comunque almeno ventuno giorni prima della data fissata per l’Assemblea in prima convocazione.

Avranno diritto di presentare le liste soltanto i Soci che, al momento della presentazione della lista, da soli o insieme ad altri Soci, rappresentino almeno il 2,5% del capitale sociale.

Ogni Socio potrà presentare o votare una sola lista, anche se per interposta persona o per il tramite di società fiduciarie, e ogni candidato potrà presentarsi in una sola lista a pena di ineleggibilità.

La titolarità della quota minima richiesta per la presentazione delle liste è determinata avendo riguardo alle azioni che risultano registrate a favore del o dei soci nel giorno in cui le liste sono depositate presso la Società. Al fine di comprovare la titolarità del numero di azioni necessario alla presentazione delle liste, gli azionisti aventi diritto devono presentare e/o recapitare la documentazione comprovante la titolarità del numero di azioni richieste presso la sede sociale, anche successivamente al deposito della lista purché entro il termine previsto per la pubblicazione delle liste (ossia entro il 18 marzo 2021).

 

Gli Azionisti, collegati in qualunque modo tra loro, ai sensi e nel rispetto della normativa applicabile, potranno presentare o votare una sola lista. Unitamente alla lista dovrà essere presentata dagli azionisti di minoranza una dichiarazione che attesti l’assenza di collegamento con gli azionisti che detengono, anche congiuntamente, una partecipazione di controllo o di maggioranza relativa.

La lista per la quale non sono osservate le statuizioni di cui sopra è considerata non presentata.

I testi integrali degli artt. 17 e 28 dello Statuto Sociale e degli artt.  2, 4 e 6 del Codice di di Corporate Governance (gennaio 2020) sono consultabili sul sito www.autostrademeridionali.it

 

CAPITALE SOCIALE

Il capitale sociale è di Euro 9.056.250 diviso in 4.375.000 azioni ordinarie del valore nominale di euro 2,07 ciascuna. Le azioni sono indivisibili e conferiscono ai titolari uguali diritti.